Articoli

Il Binge Drinking è l’assunzione di più bevande alcoliche in un intervallo di tempo abbastanza breve, lo scopo è quello dell’ abbuffata alcolica finalizzata all’ubriacatura e alla perdita del controllo.

Questo fenomeno, per quanto caratteristico dei paesi nord europei, si sta diffondendo velocemente anche in Italia, comincia a manifestarsi tra i giovanissimi prevalentemente maschi, ma non solo.

I binge drinkers rappresentano il 6,9% della popolazione di 11 anni e più, ma tra i giovani  maschi di 18-24 anni il fenomeno interessa ben il 20,1%, e comunque 14,8% ha ammesso comportamenti di binge drinking

L’effetto euforizzante, quello disinibente e il fatto che può effimeramente aiutare a dimenticare i problemi sono tra le motivazioni che più spingono i ragazzi ad avvicinarsi all’alcool sia in termini di binge drinking che in modo più strutturato. Gli alcolici preferiti sono i coktails, birra e vino a discapito dei superalcolici soprattutto perché tali sostanze sono più accessibili in termini economici data la giovane età del consumatore e la scarsa disponibilità economica.

I binge-drinkers, indugiano spesso in comportamenti a rischio sotto l’effetto dell’alcol. Il principale rischio è la guida in stato di ebbrezza, che, a sua volta, è la causa principale di incidenti stradali, spesso anche mortali. Le conseguenze principali sono il peggioramento delle prestazioni scolastiche, incluso l’abbandono degli studi, l’uso di droghe e attività sessuali non pianificate. Tra i maschi gli incidenti stradali con morte non sono infrequenti, tra le ragazza invece aumenta il rischio di subire violenza sessuale, ed è altresì alto il rischio di gravidanze indesiderate e malattie sessualmente trasmissibili.

Gli episodi di binge drinking sono quindi contraddistinti da:

-          eccessivo consumo di alcol;

-          assunzione di alcol molto rapidamente;

-          bere fino a sentirsi male e ad ubriacarsi;

-          bere in compagnia;


Fra i principali fattori di rischio ambientali associati al binge-drinking troviamo:

-          alcolismo in famiglia, specialmente in uno dei due genitori;

-          scarso supporto e controllo genitoriale;

-          cattiva qualità della comunicazione familiare;

-          abitudine al bere tra il gruppo dei pari;

-          consumo abituale di alcol tra il gruppo di amici;

-          precedenti episodi di binge-drinking;

Il fenomeno del binge-drinking si associa spesso alla pressione derivante dall’ambiente sociale, questo vale sia per gli studenti che entrano nel mondo universitario che per quelli delle scuole medie, in entrambi questi ambienti - seppur con pressioni qualitativamente diverse - i ragazzi sembrerebbero utilizzare l’alcol come facilitatore della socializzazione e come modulatore di aspetti ansiosi per soddisfare il desiderio di equipararsi al gruppo dei pari e la voglia di accettazione.

L’alcol tra i giovani è sinonimo di forza, al punto che una persona viene considerata tanto più forte quanto più riesce a reggerlo. Al gesto del bere, i giovani danno un importante valore di socializzazione, e i luoghi dove si beve sono percepiti come luoghi  di incontro, in cui è possibile  sviluppare e mantenere relazioni di solidarietà amicizia con altri ragazzi.

Come già detto il problema del binge-drinking sembra coinvolgere i giovani nel momento del loro ingresso alle scuole medie, pertanto, la scuola stessa potrebbe avere un ruolo di primaria importanza nell’attuazione di strategie di prevenzione; un'altra via importante per il contrasto al fenomeno potrebbe essere quella di coinvolgere le famiglie sensibilizzandole al tema, informandole e incoraggiando i genitori  a spiegare rischi e conseguenze del bere con abbuffate.

Nel trattamento del binge-drinking con gli adolescenti è fortemente sconsigliata la terapia farmacologia, a favore invece di trattamenti preventivi e/o di trattamenti psicoterapeutici che possano anche coinvolgere l’intera famiglia nonché l’utilizzo della figura del “compagno adulto” come supporto a lungo termine.

Quindi, appare importante oltre ai cambiamenti ambientali, una qualche forma di psicoterapia in grado sia di modificare le aspettative che i giovani hanno riguardo agli effetti dell’alcol e allo status sociale in cui li pone, ma che lavori anche sul loro senso di autoefficacia nel resistere al desiderio di bere e più in generale su aspetti di autostima con un occhio al processo di svincolo dalla famiglia di origine andando a rintracciare tutte quelle condizioni che potrebbero agire in senso negativo rafforzando aspetti di dipendenza e di collusione.

Dott.ssa Catia Annarilli
psicologa psicoterapeuta
terapeuta EMDR
cell. 3471302714
catia.annarilli@gmail.com

Bibliografia di riferimento:

Ministero della Salute, 2013, Relazione del Ministro della Salute al Parlamento sugli interventi realizzati ai sensi della L.30.03.2001 n. 125 “Legge quadro in Materia di alcol e problemi di alcol correlati”;

Baiocco, R., D’Alessio, M., Fiorenzo L. 2012, I giovani e l’alcol: il fenomeno del binge drinking,
Carocci Faber Editore
Contattaci adesso per un appuntamento Clicca Qui

Collegati con noi

Per restare aggiornato sulle iniziative del Centro Psicologia Castelli Romani nel campo della salute mentale, della prevenzione psicologica, del benessere psicofisico, dei progetti e delle collaborazione clicca qui sotto...